Clicker Training

Addestramento con il clicker

L’attività di addestramento è una attività molto importante per la mente del cane e l’apprendimento di nuovi comportamenti. Infatti per il cane è molto interessante interagire con il padrone per scoprire nuove cose. Questa attività è molto adatta sia per i cani che richiedono in continuazione la nostra attenzione, sia per i cani che si annoiano e richiedono quindi una maggiore attività mentale.

Cos’è il clicker

Il clicker è una scatoletta di plastica con dentro una linguetta metallica posizionata in modo da poterla far scattare come un pulsante usando le dita mentre lo si tieni in mano. Questo scattare produce un suono (click! appunto) netto, sordo, chiaro, non prolungato. Questo suono è particolarmente utile durante l’addestramento poichè trasmette al cane un messaggio chiaro su quale sia l’esatto comportamento da noi desiderato, poichè a differenza della nostra lode verbale (bravo, grande cane, etc..) che può avere diverse tonalità e sfumature, e durare per più secondi prima di terminare, esso è sempre uguale in tonalità e frequenza, istantaneo, e trasmette in modo netto ed inequivocabile al cane il suo successo. Il condizionamento poi fa il resto.

Caricare il clicker

In cosa consiste il caricamento? Caricare un clicker significa insegnare al cane (tramite condizionamento classico) che ogni volta che il clicker scatta (ed emette il suono) arriverà un bocconcino. Quindi si carica il clicker semplicemente cliccando e subito dopo dando il bocconcino al cane. Questo si fa mentre il cane esegue qualunque tipo di comportamento, altrimenti si rinforzerà un comportamento preciso. E soprattutto si fa generalizzando, quindi sia in casa che fuori, sia in auto che a piedi, sia al guinzaglio che senza etc.

Ci sono diverse teorie su questa fase, il caricamento, appunto, del clicker. C’è chi sostiene che il clicker debba essere caricato almeno per tre volte prima dell’inizio di ogni sessione, c’è invece chi ritiene che il caricamento va fatto bene all’inizio dell’uso del clicker, anche per una intera settimana, e poi non verrà più fatto per tutta la vita, poichè una volta che il cane è condizionato al suono non necessitano ulteriori sessioni di caricamneto. Io sono di quest’ultima idea poichè ritengo che se fatto bene (quindi generalizzando e per più giorni consecutivi, almeno una decina di click al giorno) il cane fissa definitivamente l’associazione click -> bocconcino.

Clicker: uno strumento, non un metodo

Il clicker è solo uno strumento comunicativo, qualcosa che permette di essere più chiari quando si vuole dire al cane che ha fatto bene l’esercizio, che sta mostrando il comportamento richiesto. Il clicker non è un metodo di addestramento. Ma un mezzo usato per addestrare.

Così lo si può usare se stiamo usando il metodo del louring (stimolo), cioè se stiamo accompagnando il cane con un bocconcino in mano per portarlo nella posizione desiderata, e quando la raggiunge clicchiamo per indicare che è quella la posizione desiderata e poi gli diamo il bocconcino;
oppure lo si può usare se stiamo usando il metodo dello shaping (modellamento), in cui non teniamo bocconcini in mano e non guidiamo il cane neanche con la voce, e senza suggerimenti aspettiamo che il cane mostri un comportamento, e clicchiamo e premiamo il comportamento che più si avvicina a quello che vogliamo ottenere come comportamento definitivo, modellando così piano piano il comportamento fino a quello desiderato.

Tricks

Con il clicker è possibile quindi fissare nella mente del cane diversi comportamenti, e questo spesso viene fatto per la costruzione dei così detti tricks ovvero dei comportamenti usati per gioco con il cane e spesso utilizzati in attività sportive come la dog dance.

 

Clicker Training. Come valuti questo articolo?

View Results

Loading ... Loading ...
Marianna Buffa

Marianna Buffa

Educatrice Cinofila Riconosciuta CSEN-CONI Appassionata di cani, ho una tribù a casa, ho fatto volontariato nei rifugi di Palermo e decido di diventare educatrice cinofila.

Potrebbero interessarti anche...