Alimentazione

Il cane è un animale carnivoro. Convivendo con l’uomo è diventato onnivoro. Ma l’abuso di carboidrati complessi (pane, pasta) provoca gravi squilibri nell’alimentazione del cane.

Un cane va alimentato su base prettamente carnivora.

 

Alimentazione pronta

cibo secco (croccantini):

  • pro: tempi di conservazione lunghi, alimentazione completa, ottimo rapporto qualità/prezzo
  • contro: meno digeribile, non adatto per disturbi renali

cibo umido (lattine):

  • pro: più appetibile e digeribile, adatto anche a cani con disturbi renali
  • contro: facilmente deperibile, meno sazianti a ungo termine, meno completi da un punto di vista nutrizionale, possono creare problemi ai denti

Entrambi si dividono in 4 categorie:

puppy: specifici per cuccioli, maggiore contenuto di calcio e proteine e vitamine

standard: per attività fisica normale

premium: con maggiore contenuto proteico per una intensa attività fisica o per femmine in allattamento

light: basso contenuto proteico, per cani sedentari o problemi di sovrappeso o anziani

Gli ossi di pelle di bufalo vengono consumati lentamente e servono per mantenere il cane impegnato in momenti di inattività.

 

alimentazione-1024x768

 

 

 

 

 

 

 

 

Alimentazione casalinga

carne: è la base ma da sola non basta, deve essere integrata, meglio se contiene grasso

pesce: mai crudo, privo di lische, 2 volte a settimana

ossa: servono per la pulizia dei denti, le adatte sono le ossa grandi di bovino (no pollo, no coniglio)

latte: serve per lo svezzamento dei cuccioli

formaggio: magro, 1 o 2 volte a settimana, non fermentato

uova: crude o cotte, 1 o 2 volte a settimana, durante la crescita

cereali: ben digeribili (proteine, vitamine, grassi, minerali) va servito in aggiunta alla carne

pasta e riso: scotti e sciacquati dall’amido

cereali soffiati: facilmente digeribili, serviti con acqua

pane: servito raffermo perchè è più digeribile

verdura: cotta è più digeribile, e usare l’acqua di cottura per cuocere i cereali

frutta: di stagione

 

 

 

Cibi vietati

avanzi e scarti da cucina

ossa lunghe (pollo, coniglio)

– carne di maiale

formaggio fermentato

legumi (portano fermentazione)

dolciumi

cioccolato (è veleno, evitare anche the e caffe)

cipolle e cavoli (portano anemia)

omogeneizzati per bambini (contengono cipolla)

cibo per gatti (è spostato su più proteine e grassi)

uva e uvetta (portano fermentazione)

luppolo (porta problemi cardiorespiratori e convulsione)

alcolici o altri prodotti contenenti lo xilitolo

– alimenti zuccherini (obesità, problemi dentali)

– alimenti eccessivamente salati (portano squilibri elettrolitici)

 

Quante volte al giorno

I cuccioli 4 volte al giorno poi gradualmente a 3 e a 2 volte al giorno

Tra un pasto e l’altro devono passare almeno 8 ore per una completa digestione

I premi educativi devono essere diversi dal cibo tradizionale dei pasti

 

Quantità

– se la ciotola è vuota e leccata allora la porzione è insufficiente

– se la ciotola è pulita con scarsi residui allora la porzione è sufficiente

– se nella ciotola rimane una discreta quantità di cibo allora la razione è abbondante

 

Evitare di lasciare residui nella ciotola.

Pasti con orari fissi e regolari, stessa ciotola, stesso luogo, tranquillo ed appartato.

Variare per evitare errori ripetitivi alimentari.

Acqua: non deve mancare mai.

 

alimentazione-2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alimentazione. Come valuti questo articolo?

View Results

Loading ... Loading ...