Le 5 F

Le 5 F è il nome abbreviato che si da alle cinque possibili risposte di comportamento che un cane può dare quando si sente minacciato.

Queste parole cominciano appunto per f, e sono:

  1. Flight
  2. Fight
  3. Freeze
  4. Fidget (o Fool around)
  5. Faint

che significano rispettivamente:

  1. Fuga
  2. Attacco
  3. Immobilizzarsi
  4. Scherzare (o Fare lo scemo)
  5. Svenire

Il Flight o Fuga è il comportamento istintivo primario del cane che si sente minacciato. Egli infatti evita sempre ove possibile gli scontri perchè causano perdita di energie che invece dovrebbero essere usate per mantenimento, caccia, calore etc.

Ove non è possibile fuggire, per motivi logistici (quando viene accerchiato o messo al muro) o perchè si trova sul suo territorio e non vuole lasciarlo, il cane sceglie di combattere (Fight) e preferisce passare al comportamento di attacco.

Il Freezing è un comportamento adottato per lo più in condizioni di contatto fisico (un uomo che prende in mano un cane piccolo di taglia, o un cane che odora da vicino naso o genitali di un altro cane) e serve per dimostrare di non voler essere aggressivi aspettando nel contempo che il motivo di minaccia passi da se.

Il Fidget o Fooling Around è l’atteggiamento del far lo scemo, spesso mostrato rotolandosi per terra o girando su stesso, adottato per lo più da soggetti giovani nei confronti dei soggetti minacciosi più adulti allo scopo di comunicare loro la volontà di non voler essere aggressivi o minacciosi a loro volta.

Il Faint o svenimento è più raro e meno conosciuto ma consiste nel fare il morto sempre aspettando che la minaccia passi. E’ una versione più intensa del freezing, immobilizzarsi.

 

 

Le 5 F. Come valuti questo articolo?

View Results

Loading ... Loading ...

I segnali calmanti

I segnali calmanti servono a manifestare uno stato emotivo.

Sono segnali inviati dal cane sia agli altri cani per dire “vengo in pace, non devi temermi, non cerco guerra, sii pacifico anche tu”, sia verso se stessi per dire “calmati, va tutto bene, c’è la puoi fare”.

I cani di tutto il mondo usano gli stessi segnali.

leccarsi il naso: nasce dal ricordo del cucciolo che lecca le labbra degli adulti per attivarne il rigurgito. Si usa spesso tra sconosciuti. Con l’uomo capita quando: ci si china su di lui, lo si sgrida, lo si abbraccia, è accarezzato sulla testa, ha timore di qualcosa o qualcuno;

sbadigliare: fuori contesto è calmante per se stesso è per gli altri, lo si può fare al cane per calmarlo se è agitato;

grattarsi: fuori contesto (cioè se non ha realmente prurito) è uno scarico di stress accumulato;

scrollarsi: serve per scaricare uno stress accumulato come tensione corporea (carezze da uno sconosciuto, gioco irruenti, etc..);

inchino (statico): se dinamico è un invito al gioco ed è seguito da saltellamenti e corse, mentre se è statico (posizione mantenuta) è un segnale di calma, usato verso cani sconosciuti per chiedere amicizia quando sono nervosi o timidi. Può essere usato anche per chieder spazio;

mettersi in mezzo: il cane si mette tra due o più individui che sono troppo vicini (abbracciati, ballano, litigano) perché li crede in conflitto e fa una barriera, lo fa anche con i cani quando giocano in modo irruento;

mettersi a terra: è un segnale usato dai più anziani per calmare una situazione di agitazione scatenata dai giovani deferenti che fanno caos;

immobilizzarsi: indica che il cane non vuole né offendere né difendere, usato verso cani che si avvicinano troppo velocemente o che annusano il corpo dappertutto e verso uomini che lo sgridano e intimoriscono;

camminare o muoversi lentamente: tutti i movimenti lenti del cane hanno un potere calmante, si può usare anche da uomo a cane per calmarlo, spesso il cane lo usa ritornando dal padrone che lo chiama irritato;

curvare: camminare procedendo con una traiettoria curva per non arrivare frontale su un altro cane;

annusare a terra: a differenza dell’odorato normale, quando è un segnale calmante si tiene lo sguardo con la coda dell’occhio sulla cosa che ci preoccupa e non sul terreno;

distogliere lo sguardo, voltare la testa e il corpo: fissare lo sguardo è un segno di minaccia e anticipa l’aggressione, il suo opposto è distogliere lo sguardo che può essere rafforzato dallo sbattertele palpebre fino a voltare la testa di lato o offrire la schiena;

altri segnali calmanti:

socchiudere gli occhi, sedersi, voltarsi di spalle, agitare la coda, sbattere le palpebre, schioccare le labbra, alzare una zampa, ignorarsi, fare la pipì.

 

segnali-1024x791

 

 

 

 

 

 

 

 

I segnali calmanti. Come valuti questo articolo?

View Results

Loading ... Loading ...